Triola

Alberto Triola

Direttore artistico

È direttore artistico del Festival della Valle d’Itria dal 2010. Negli ultimi anni è stato direttore generale del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e presidente del Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli.Clicca per proseguire

Stabilmente impegnato in campo teatrale e musicale da quasi un trentennio, dal 2002 Alberto Triola si distingue per significative esperienze al vertice di importanti teatri e festival italiani, quali il Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Festival Monteverdi e il Teatro Ponchielli di Cremona, il Carlo Felice di Genova, il Comunale di Bologna, il Lirico di Cagliari, con stagioni di riconosciuti successi e programmazioni artistiche di apprezzata vivacità culturale, che segnano spesso la consacrazione di nuovi talenti vocali, registici e direttoriali.Milanese, una laurea in ingegneria e un articolato percorso formativo in ambito musicale e teatrale, dopo aver maturato il proprio profilo professionale in quattordici stagioni al Teatro alla Scala, si è reso noto per la trasversalità della sua esperienza teatrale, sia in campo gestionale che artistico. Nel corso della sua carriera ha lavorato a fianco di figure di riferimento del mondo musicale e teatrale, quali Alberto Zedda, Marco Tutino, Carlo Fontana, Gian Carlo Menotti, Paolo Arcà, oltre a Riccardo Muti e Fabio Luisi, con il quale condivide la guida artistica del Festival della Valle d’Itria.È noto il suo appassionato impegno nella continua ricerca di nuovi interpreti, che si struttura in forma compiuta prima con la Scuola dell’Opera Italiana di Bologna (che fonda con Marco Tutino e che dirige dal 2007 al 2010) e poi, dal 2011 (con l‘Accademia del Belcanto “Rodolfo Celletti” di Martina Franca.In questi ultimi anni, pur nei limiti di tempo concessi dai principali impegni professionali, ha svolto una parallela attività artistica come regista, debuttando nel 2008 al Wexford Opera Festival, con Il Signor Bruschino di Rossini.In seguito si è distinto soprattutto in Germania e Austria, firmando spettacoli (Carmen e Macbeth al teatro di Lubecca, La clemenza di Tito alla Kammeroper del Theater an der Wien) che hanno raccolto un vivissimo successo di pubblico e lusinghieri apprezzamenti della critica. I suoi più recenti impegni artistici sono stati a Belgrado, con Don Giovanni (una coproduzione del Teatro Nazionale con il Teatro Madlenianum, poi in tournée in Romania) e al Teatro Olimpico di Vicenza, con L’Inganno felice di Rossini, per il Festival delle Settimane Musicali.È autore di diverse pubblicazioni, l’ultima delle quali è stata dedicata al profilo di un protagonista del mondo operistico del Novecento: Giulio Gatti Casazza, una vita per l’Opera edita da Zecchini.

 

aldo-gentileschi

Aldo Gentileschi

Pianista

Diplomato in pianoforte col massimo dei voti al conservatorio P. Mascagni di Livorno, inizia gli studi teatrali nel 2001 presso il Laboratorio 9 di Barbara Nativi. Si perfeziona seguendo workshops e laboratori tenuti da Claudio Morganti, Leo Muscato, Carlina Torta, Rita Pelusio e Sue Morrison.Clicca per proseguire

Affianca la carriera da attore a quella di musicista collaborando con strumentisti e cantanti tra cui il violinista americano Brad Repp e il soprano Maria Luigia Borsi. Nel 2001 vince il concorso di composizione “M.Monteverdi” di Livorno con la scrittura di una fiaba musicale. Spesso compone e

esegue le musiche di scena degli spettacoli a cui prende parte. Dal 2004 fa parte del Duo Baldo col quale fa concerti e spettacoli in Italia e nel mondo.

alessio_nelli

Alessio Nelli

Pianista e compositore

Nato a Viterbo il 23/03/1988, residente a Civita Castellana (VT) 

Alessio Nelli è un pianista, compositore ed organizzatore di eventi e spettacoli musicali, diplomato al Conservatorio Santa Cecilia e al CET di Mogol nei corsi Compositore, Autore ed Interprete. Clicca per proseguire

MUSICA POP : Lavora stabilmente con la cantautrice Olivia Silveri, evoL, Il Sinfonico e l’improbabile orchestra. Collabora come pianista ed assistente al CET di Mogol.MUSICA CLASSICA : E’ pianista ed assistente del M°Sesto Quatrini, giovane direttore d’orchestra italiano di fama internazionale (MET di New York, Bolshoi di Mosca, Teatro Regio di Torino, Festival della Valle d’Itria) con il quale ha debuttato a Parigi in “La Traviata” , “Rigoletto”e “L’elisir d’amore” di Donizetti. E’

maestro collaboratore della compagnia Le Voix Concertantes di Parigi. Nel corso della sua carriera ha ideato e realizzato numerosi spettacoli e manifestazioni culturali. Dal 2008 è attivo come insegnante di pianoforte e musica pop, proponendo lezioni private e seminari in

tutta Italia. 

Alvise Bortolini

Alvise Bortolini

Cantautore

Cantautore scrive al pianoforte all’attivo numerose produzioni discografiche con collaborazioni importanti.Due produzioni artistiche legate a Walter Savelli (pianista storico di Claudio Baglioni)  due dischi legati a nome di Gabriele Comeglio (sassofonista, direttore d’orchestra, più volte arrangiatore per Mina). Clicca per proseguire

Un CD condiviso con  l’amico di sempre, il cantautore Antonio fiabane. gli ultimi due lavori discografici frutto di un entusiasmante collaborazione con una band // (Daniele Martin, produzione artistica, piano e tastiere, Vanja Arione basso,Aldo Pellegrini  chitarra, Simone Gerardo batteria, Valentina De Rosa Voce). Molti i concerti soprattutto in contesti teatrali, dedicati alla propria musica e alla musica d’autore italiana.Numerose partecipazioni televisive “Dove sono i Pirenei” Rai due, “E l’Italia racconta” con Paolo Limiti Rai due,”Linea Notte” Rai tre.Dall’amicizia e dalla collaborazione artistica con Ron nasce “Dopo di te”, canzone presente nel CD “Mi ritrovo in te”.

IMG-20200121-WA0010

Andrea Moro

Direttore d'orcherstra

Andrea Moro ,musicista veneziano,si diploma brillantemente in viola nel conservatorio della sua citta’vincendo una borsa di studio,quale miglior dipolmato (1994),precedentemente è risultato vincitore assoluto della prestigiosa Rassegna Nazionale per violisti studenti “Città di Vittorio Veneto”.Ha completato la sua formazione musicale con i maestri V.Mendelsshon,Y.Gandelsmann,M.Kugel e J.Levitz.Clicca per proseguire

Idoneo in numerose audizioni ,ha collaborato sia come viola di fila sia come prima viola in numerose orchestre fra le queli: Filarmonica di Udine,Sinfonica di Udine Mitteoeuropa orchestra,Orchestra Haydn Bolzano e Trento,Orchestra d’archi Italiana,Filarmonia Veneta di Tv,orchestra di Padova e del veneto,Orchetstra del teatro Carlo Felice di Genove,Gran teatro la Fenice di Venezia ecc.Come viola solista con le orchestre Dell’Università di Ca’Foscari di Venezia e dell’Università Tubingen ( germania),I virtuosi dell’ensaemble di Venezia,ecc..Dal 2009 comincia lo studio della direzione d’orchestra ,dopo sporadiche esperienze di concertazione precedenti,e dal 2010 diviene allievo efettivo presso i corsi di alto perfezionamento tenuti a Firenze dal M. Piero Bellugi e che segurà fino agli ultimi giorni di vita del maestro.Parallelamente si perfeziona nel repertorio tedesco e precisamente nelle 9 sinfonie di Beethoven con il maestro israeliano Lior Schamabadal.Dal 2013 avviene l’incontro fondamentale con il M.Ennio Nicotra con il quale si instaurerà un rapporto speciale di stima e amicizia oltre che allievo /docente.Con il metodo Musin,il grande decano della scuola russa che ha forgiato direttori del calibro di S.Bichkov,Y.Temirkanov,R.Barschai e V.Gergev,seguendo i master accademici presso le università Bicocca di Milano e Cerisdi di Palermo.In quest’occasione ,nel 2015 è stato selezionato tra i migliori allievi e ha diretto l’orchestra del Teatro Massimo di Palermo nella suggestiva sede del Castello Uteveggo.Il debutto come direttore d’orchestra però avviene a Grado nel 2010 nel Festival a “4 stelle” dove dirigerà la prima mondiale del balletto ” The kiss of Judas” composto dal M.Giorgio Tortora. Da allora il maestro Tortora lo invita ogni anno a dirigere più concerti come i vari Galà d’opera,dove è stato realizzato un cd live,concerti sinfonici,e i conceti di capodanno 2013 e il recentissimo del 2017. Gia’confermato direttore principale del festival estivo di Grado per il 2017 .Ha inoltre diretto le orchestre Filarmonia Veneta Tv,la Florence Sinphonietta,L’orchestra Filarmonica della Sardegna ,in un galà d’opera in diretta per Telethon nel 2014,I musici di Venezia ( Traviata),Orchestra e coro dell’università di Venezia,Orchestra Giulio Rusconidi Rho,l’orchestra Life in next audition di Milano ,in collaborazione con le prime parti delle fondazioni lirico sinfoniche italiane,l’Orchestra Opera House di Venezia,Harmonya Mundi ,orchestra,Accademia Italiana,la Venice Chamber orchestra ,l’orchestra del Teatro Massimo di Palermo.Dal 2013 ha organizzato e fatto da assistente e responsabile artistico ai masterclass di direzione d’orchestra con il M.Nicotra ,con la collaborazione delle orchestre Filarmonica del Veneto e Venice Chamber Orchestra.La scorsa estate ha accompagnato i docenti del master internazionale “Piccolo festival cump”,con i migliori docenti del mondo di ottavino,tenuti dai Maestri Nicola Mazzanti,Samantha Stheal,Oby Doumbarnian e Alessandro Visintini.Il repertorio spazia dal Baocco alla musica del 900,musica leggera e da film compresa.Musica sacra come Messe di Mozart ,Haydn,Pergolesi Stabat Mater Vivaldi Rossini ecc…Attivo anche come compositore e arrangiatore,ha ideato un nuovo stile chiamato “Baromantico” con le composizioni: “Mater Domini” adagio per oboe e archi,la “Venice serenade” per orchestra d’archi e L’ouverture “Murano” sempre per archi, il concerto Baromantico per viola e orchestra da camera,Reveriè J.S.B per flauto o ottavino o violino e pianoforte,pezzi per chiatarra,il secondo concerto baromantico per 12 viole.Tutte opere inedite e mai eseguite tranne,Materdomini e l’ouverture Murano che hanno riscosso consensi e felicitazioni.
 

Brad Repp

Brad Repp

Violinista

“Straordinario violinista…” – Rovigo Oggi (2020)

Nato a Salt Lake City, USA da padre Sioux, ha compiuto i suoi studi negli Stati Uniti alla Las Vegas Academy of International Studies, Visual and Performing Arts e all’Università del Nevada per poi perfezionarsi con maestri eccellenti quali Norbert Brainin, Aaron Berofsky, Teresa Ling, Charles Castleman, Scott Yoo, Brian Lewis, Eugene Drucker, David Chan, Gilles Apap e Michael Gilbert.Clicca per proseguire

In Italia nel 2002 si è diplomato brillantemente presso l’Istituto Musicale ‘L. Boccherini’ meritando 10 e lode e la menzione speciale sotto la guida del Maestro Alberto Bologni.Nel 2002 ha creato e portato in scena il Duo Baldo, uno spettacolo innovativo, in collaborazione con il pianista/attore Aldo Gentileschi, che propone nuovi modi di fruizione della musica classica e cameristica. Il duo ha debuttato con il tenor Andrea Bocelli nel 2004.A febbraio del 2006 il duo ha vinto il primo premio del Concorso Nazionale di Corti Teatrali tenutesi al Teatro Puccini di Firenze; nel 2010 e’ stato invitato al prestigiosissimo Festival di Salisburgo esibendosi nei concerti di apertura in occasione del 90º anniversario del festival. In seguito il duo e’ stato invitato ad esibirsi in importanti teatri quali la Società dei Concerti di Trieste, a San Luis Obispo (Festival Mozaic), a Cincinnati, a Baltimora, a Milano (Festival MiTo), a Lugano, a Dubai, a Barcellona, a Città del Messico, a Paunat (Francia) a Tokyo e in molte città cinesi.Recentemente il duo si è esibito in due delle sale più prestigiose dell’Asia: il Beijing Concert Hall (concerto sold-out) e per due anni consecutivi al National Concert Hall di Taipei.Nel 2018 ha svolto una tournée di 36 città negli Stati Uniti. Nel 2021 tornerà nuovamente in USA per una tournée di 30 date.Repp ha partecipato al nuovo programma televisivo “Now Hear This” trasmesso negli Stati Uniti su Great Perfromances\PBS i primi di ottobre 2019. E’ stato il primo programma televisivo sulla musica classica in prima serata dal 1967 negli Stati Uniti coinvolgendo 50 milioni spettatori a puntata.Fra i suoi impegni più recenti ricordiamo i concerti a Shanghai, come violino solista, con José Carreras, a Venlo (Olanda) come solista con l’orchestra del Festival Viva Classic Live, e a Shenzhen come solista con la Shenzhen Symphony Orchestra.Suona un prestigioso violino di Testore del 1736 e un violino di Garimberti del 1973 a seconda dell’umore.

Federico Stragà

Federico Stragà

Cantante

Federico Stragà, nato a Belluno il 10 luglio 1972, si avvicina alla musica a sedici anni e forma una band con alcuni amici. Nell’ottobre 1997 si iscrive all’Accademia di Sanremo e, superate tutte le selezioni, approda a Sanremo Giovani dove cattura l’attenzione dei produttori Mara Majonchi e Bruno Tibaldi con “La Notte Di San Lorenzo”. Nel 1998 partecipa al Festival di Sanremo tra le Nuove Proposte con il brano “Siamo noi”.Clicca per proseguire

Segue la pubblicazione dell’album d’esordio: FEDERICO STRAGA’. Nel 2000 domina la stagione radiofonica con il brano “L’ Astronauta”, apprezzato anche da Bobby Solo e Franco Battiato, che sono presenti in una versione remix. Nel 2001 esce il suo secondo album, da cui vengono estratti altri due singoli di successo: “Cigno Macigno” ed “Eleonora non s’innamora”. Nel 2002 vince ‘Un disco per l’estate’ con il singolo “Il Coccodrillo Vegetariano”. Nel 2003 partecipa nuovamente al Festival di Sanremo nella categoria Big, interpretando “Volere volare” con Anna Tatangelo. Nel 2008, a sei anni dal suo esordio in un’inedita versione swing, esce il cd “Federico Stragà canta Frank Sinatra” che contiene alcuni tra i più grandi successi di The Voice. Questa interpretazione gli vale la partecipazione al Bologna Jazz Festival nel 2010 ed il premio alla Voce conferitogli dal Leggio d’Oro nel 2013. Nel 2015 esce il singolo “Che Cos’è L’arte?”. Nel 2018 esce il suo nuovo album “Guardare Fuori”, presentato in concerto con la nuova band. Il primo singolo estratto è “Ho esaurito la paura”. Oggi Federico vive a Bologna.

67713528_168095470902435_1318057147392589824_n

Francesco Arpino

Produttore discografico

Nato a Roma, è un cantautore, musicista e produttore discografico.Cresce ascoltando Elton John, Police, Elvis Costello, The Beatles. L’amore per questi artisti e per la musica anglosassone lo porta verso l’Inghilterra così nel 1998 lascia l’Italia e arriva a Londra dove lavorando al fianco di artisti di calibro internazionale impara e getta le fondamenta della sua musica futura.Clicca per proseguire

Tornato nella sua città, con Jean Paul Irali e Pino Iodice, forma gli OffSide di cui è il

frontman e compositore di tutti i brani. Il gruppo si fa notare dal produttore Rolando

D’Angeli che gli offre un contratto discografico con l’etichetta indipendente Don’t Worry.A breve gli OffSide passano alla Wea Records e realizzano il singolo “Singing In the classroom”. Il brano riscuote un notevole successo e viene trasmesso in tutte le radio. La band supera le selezioni di Sanremo Giovani e partecipa al Festival di Sanremo 2002 con il brano “Quando una ragazza c’è” (composto da Arpino con il testo di Antonello De Sanctis). A Marzo la Wea Records pubblica l’album “Tra le Cose che ho di Te” che vende oltre 10.000 copie.Dopo l’esperienza con gli Offside Arpino fonda un nuovo gruppo i B-nice, che debuttano nel 2005 con la canzone “Panico” (prodotta da Bruno Tibaldi). Il brano è arrangiato da Marco (Rapino) Sabiu (arrangiatore dei Take That, Kylie Minogue, Ligabue) ed è supportato da un videoclip girato a Cinecittà e nella “Bottega degli orrori” di Dario Argento,per la regia di Luigi Cozzi, storico collaboratore di Dario Argento. Nel videoclip compare Tim Burton e ad altri noti registi e attori italiani come Carlo Lizzani, Lamberto Bava e Massimo Bonetti.Il video di “Panico” viene ufficialmente presentato come un mini cult b-movie alla mostra del cinema di Venezia.  Dopo la parentesi con i B-nice, Francesco Arpino si concentra soprattutto sull’ attività di arrangiatore, produttore di studio e compositore. Da citare in questo periodo alcune importanti collaborazioni e fra queste quelle con i noti autori Antonello De Sanctis,e Stefano Cenci e quella con Sean Lennon figlio di John e Yoko Ono con cui scrive insieme alcuni brani.Nel 2009 inaugura a Roma il suo studio di registrazione “Rock Me Amadeus” noto per l’altissima qualità di recording realizzata grazie all’ausilio di microfoni e preamplificatori vintage.Nel 2011 vince come co-arrangiatore il Nastro d’Argento con la canzone “Amami di più” inserita nel film dei fratelli Avati “Se sei cosi ti dico si” con Emilio Solfrizzi e Belen Rodriguez.Nello stesso anno produce artisticamente e arrangia il disco di Alessandro Haber “Haber Hotel”. Questa è l’occasione per collaborare nel suo studio con prestigiosi artisti come Danilo Rea, Phil Palmer, Giusy Ferreri, Giuliano Sangiorgi, Beppe Servillo, Enzo Gragnaniello, Fausto Mesolella.Nello stesso anno viene pubblicato il suo singolo “Oltre lʼorizzonte”.Nel 2012 comincia una duratura collaborazione, in qualità di produttore e autore, con Phil Spalding (bassista di E. John, R. Williams, M. Oldfield, The Who) e  con Phil Palmer (D.Straits, L. Battisti, Take That etc…)Il 2012 segna anche l’inizio di un fortunato sodalizio con l’attrice e cantante Diana Del Bufalo. E’ una lunga collaborazione che raggiunge il suo apice nel 2014 con Il singolo “La Foresta”. Il brano viene trasmesso dai più importanti network radiofonici italiani ed è il video più cliccato dell’anno di Facebook Italia.Nel 2015 è l’autore, arrangiatore e produttore della sigla del programma televisivo “Colorado” su Italia Uno. Nel 2017 scrive insieme a Vincenzo Incenzo tutte le musiche inedite del primo musical dedicato a Lady Diana Spencer interpretata dall’attrice Serena Autieri. Nel 2018 è il produttore e arrangiatore dei brani inediti di Jeff Buckley. I brani sono cantati da The Niro e suonati, fra gli altri, dal chitarrista americano e coautore Gary Lucas. Il disco interamente registrato a Roma nel suo studio viene pubblicato a Ottobre 2019.A fine 2019 vedrà la luce il suo album di inediti diretto e prodotto da Chris Thomas (The Beatles, Pink Floyd, Elton John). Prestigiosi e di caratura internazionale anche i musicisti che hanno partecipato al progetto: fra gli altri Phil Palmer e Phil Spalding.

Loris Antiga

Loris Antiga

Cornista

Loris Antiga uno dei cornisti più rappresentativi d’Italia ha suonato con la London Symphony Orchestra, la Chamber Orchestra of Europe ed è stato scelto dal maestro Claudio Abbado per il progetto Orchestra Mozart.Clicca per proseguire

 Dopo aver terminato gli studi in Italia con il Maestro Guido Corti, si è perfezionato a Chicago con Dale Clevenger e Arnold Jacobs. Ha suonato in qualità di primo corno con il Teatro alla Scala e con la Filarmonica della Scala, Maggio Musicale Fiorentino, Ensamble Modern Francoforte, Orchestra della Radio Svizzera Italiana, Malaysian Philharmonic Orchestra e collaborato con le più importanti Istituzioni Liriche Sinfoniche Italiane. Dal 2001 suona stabilmente al Gran Teatro La Fenice. Ha suonato sotto la Direzione di R.Muti, S.Bychkov, A.Pappano, V.Gergiev, A.Gardiner, C.Thielemann, F.Luisi, Z.Mehta, D.Barenboim, B.Haitink. Membro fondatore del Brassoperà con cui ha inciso per l’etichetta Summit Records (www.brassopera.it). Molto attratto dalla musica da camera è stato invitato a numerosi Festival, tra i quali Lione, Pisa, Stresa, Lugano, Ravello ecc. Tiene regolarmente Master Class in tutto il mondo, Giappone, Brasile, Stati Uniti, Cina, Spagna. Viene regolarmente invitato ad esibirsi come solista in Giappone e Stati Uniti. Paxman Artist Loris Antiga is one of Italy’s foremost horn players. He has played with the London Symphony Orchestra and the Chamber Orchestra of Europe and was selected by Claudio Abbado for the Orchestra Mozart project. After finishing his studies in Italy, where he studied with Guido Corti, he moved to Chicago to study with Dale Clevenger and Arnold Jacobs. He has performed as a first horn player with the Teatro alla Scala and the Filarmonica della Scala, Maggio Musicale Fiorentino, Ensemble Modern (Frankfurt), Orchestra della Radio Svizzera Italiana, and the Malaysian Philharmonic Orchestra, and has worked with the most important Italian operatic and symphonic ensembles. He has been a member of the orchestra of the Gran Teatro La Fenice since 2001. He has performed under the direction of R. Muti, S. Bychkov, A. Pappano, V. Gergiev, A.Gardiner, C. Thielemann, F. Luisi, Z. Mehta, D. Barenboim, and B. Haitink. He is a founding member of Brassoperà, with whom he has recorded for Summit Records (www.brassopera.it). He is highly interested in chamber music and has been invited to numerous festivals in Lyon, Pisa, Stresa, Lugano, Ravello, and others. He regularly holds masterclasses around the world, including Japan, Brazil, the United States, China, and Spain. He is regularly invited to perform as a soloist in Japan and the United States. Paxman Artist 

manolo

Manolo Da Rold

Organista

Bellunese, ha conseguito i diplomi in Organo e Composizione organistica, e in Musica Sacra con il massimo dei voti e la lode, successivamente ha frequentato numerosi corsi di perfezionamento.  Si è esibito sia come solista che in duo e in trio partecipando a concerti e rassegne organistiche nazionali ed internazionali.Clicca per proseguire

Ha diretto numerosi gruppi vocali e strumentali e dal 1998 è direttore della Corale Zumellese di Mel, coro polifonico misto con al suo attivo oltre 700 concerti in tutta Europa e oltre oceano alla guida della quale ha conseguito primi premi e premi speciali della giuria a concorsi corali nazionali ed internazionali. È direttore del piccolo coro voci bianche “Roberto Goitre” di Mel, del Coro Giovanile di voci bianche “Roberto Goitre” di Mel, e’ fondatore e direttore del coro maschile “Melos” Valbelluna.  Ha al suo attivo decine di prime assolute e prime nazionali. Come compositore ha conseguito premi nazionali ed internazionali, pubblica con: Alliance music (USA), Ut Orpheus Edizioni, Sonitus, Edizioni Musicali Europee, ASAC, Feniarco, molti suoli lavori sono stati inseriti in raccolte musicali e riviste specializzate. La sua musica viene eseguita in tutti i continenti da numerose compagini corali. È direttore artistico della “Rassegna Internazionale di Canto Corale” di Mel e Commissario artistico Dell’ASAC Veneto. E’ docente di Formazione Corale, di Liturgia e Prassi di direzione corale il Conservatorio di Matera. Ha collaborato con l’università di Venezia e l’università della Basilicata come relatore esterno sul tema “antropologia e musica”. E’ stato membro di giuria a concorsi nazionali ed internazionali. Ha al suo attivo pubblicazioni su organi di rilevane interesse storico.  Organista presso la chiesa Arcipretale di Mel.

Maria luigia Borsi

Maria luigia Borsi

Soprano

Protagonista di opere mozartiane, verdiane e pucciniane su importanti palcoscenici italiani, asiatici, europei ed americani il soprano Maria Luigia Borsi, rafnata interprete dal timbro inconfondibile, ha già avuto modo di imporsi a livello internazionale come una delle cantanti più interessanti della sua generazione. Clicca per proseguire

Gli esordi signifcativi della sua carriera italiana la vedono sul palcoscenico del Teatro alla Scala interpretando il ruolo di Liù nella Turandot e sul palcoscenico del Teatro La Fenice di Venezia, per la storica riapertura, interpretando il ruolo di Violetta ne La Traviata diretta da Lorin Maazel con la regia di Robert Carsen. È apparsa in prestigiosi teatri quali Salzburg Festival (Otello), Opernhaus di Zurigo (La traviata), Berlin Philharmonie (Suor Angelica), Deutsche Oper di Berlino (La bohème), Gran Teatre del Liceu di Barcelona (La bohème), New National Theatre di Tokyo (Così fan tutte e Otello), Arena di Verona (Carmen), Royal Danish Opera (Madama Butterfy), Cincinnati Opera (Otello, Gianni Schicchi e Madama Butterfy), Pittsburgh Opera (Madama Butterfy), Palm Beach Opera (Madama Butterfy), Les Chorégies d’Orange (Turandot) e la Novaya Opera di Mosca (Il trovatore). Ha collaborato inoltre con la London Philharmonic Orchestra, la Vienna Philharmonic, l’Israel Philharmonic Orchestra, la London Symphony Orchestra, la Scottish Chamber Orchestra, la Camerata Salzburg, la Halle’ Orchestra la Rotterdam Philharmonic, la Tokyo Philharmonic, la Münchner Philharmoniker e la Seoul Philharmonic. Nel 2010 ha fatto il suo recital di debutto alla Wigmore Hall di Londra Ha collaborato con celebri direttori d’orchestra, fra i quali Riccardo Muti, Zubin Mehta, Myung-Whun Chung, Marcello Viotti, Michel Plasson, Alain Lombard, Yannick Nézet-Séguin, Andrés Orozco- Estrada, Pablo Heras-Casado, Carlo Rizzi, Ramon Tebar, Giordano Bellincampi, Enrique Mazzola, Donato Renzetti, Maurizio Benini ed eminenti registi quali Franco Zefrelli, Hugo De Ana, Damiano Michieletto, Stephen Langridge, Graham Vick, Jürgen Flimm, Pier Luigi Pizzi, Mario Martone, Daniele Abbado, Giancarlo del Monaco, Nicolas Joel e Robert Carsen. Attiva in ambito concertistico, spazia dalla musica da camera, al repertorio sacro e sinfonico. Tra le sue interpretazioni si segnalano la Messa da Requiem di Verdi e la IX sinfonia di Beethoven diretti in numerose occasioni dal Maestro Lorin Maazel, Il tramonto di Respighi, La Dame de Monte-Carlo di Poulenc, i Vier Letzte Lieder di R.Strauss, gli Chants d’Auvergne di Canteloube, le Sinfonia n.2 e n.8 di Mahler. Fra i suoi più recenti successi si segnalano il concerto di apertura dell’EXPO a Milano con l’Orchestra e coro del Teatro alla Scala trasmesso in mondovisione e diretto da Marco Armiliato, l’Otello ad Oviedo, La bohéme ad Atlanta, il Requiem di Verdi a Mosca, Le nozze di Figaro a Göteborg, la Tosca in forma di concerto con la London Philharmonic Orchestra alla Royal Festival Hall di Londra, Otello ad Auckland, La bohéme alla Royal Danish Opera e il suo ritorno all’Opera di Pittsburgh nelle vesti di Liù nella Turandot. Nel 2018 ha debuttato il ruolo di Aida ad Auckland. Ha partecipato al nuovo programma televisivo “Now Hear This” trasmesso su Great Perfromances\PBS iniziato i primi di ottobre 2019. E’ stato il primo programma televisivo sulla musica classica in prima serata dal 1967 negli Stati Uniti coinvolgendo 50 milioni spettatori a puntata. La sua discografa annovera una registrazione live del Don Giovanni di Mozart con la direzione di Zubin Mehta (Helicon), un DVD live della IX Sinfonia di Beethoven con Lorin Maazel (Kultur), la Turandot di Puccini (Fenice), la Carmen con la regia di Franco Zefrelli all’Arena di Verona, e Maometto II di Peter von Winter (Marco Polo). Nel 2015 e’ uscito il suo primo solo album da solista, “Italian Soprano Arias”, con la London Symphony Orchestra e diretto dal Maestro Yves Abel. Nata a Sora (Italia), ha studiato con Antonietta Stella, Lucia Stanescu, Claudio Desderi, e Renata Scotto.

 

CMCB_logo

Mattia Campetti

IMG_20190923_233156

Paoletta Marrocu

Soprano

Diplomata al Conservatorio di Cagliari col massimo dei voti, ha intrapreso una rapida carriera che l’ha condotta sui palcoscenici dei maggiori teatri del mondo, fra i quali: Teatro alla Scala di Milano, Regio di Parma, Regio di Torino,”la Fenice” di Venezia, “Carlo Felice” di Genova, Comunale di Bologna, Maggio Musicale di Firenze, “Petruzzelli” di Bari

Clicca per proseguire

, “Massimo” di Palermo, Arena di Verona, Wiener Staatsoper, Opernhaus di Zurigo, Deutsche Oper di Berlino, Bayerische Staatsoper di Monaco, Hamburgische Staatsoper, Théâtre Royal de la Monnaie di Bruxelles, Opéra Royal de Wallonie, Gran Teatre del Liceu di Barcellona, Teatro Real di Madrid, De Nederlandse Opera, Den Norske Opera, Washington Opera, San Diego Opera, Palm Beach Opera, Shanghai, Seoul, Tokyo.

Ha collaborato con i più importanti direttori d’orchestra: R.Chailly, D.Gatti, G.Gelmetti, D.Harding, F.Luisi, N.Luisotti, Z.Mehta,  F.Welser-Möst, R.Muti, K.Nagano, M.Plasson, E.-P.Salonen, C.Thielemann, M.Viotti e con registi del calibro di: H.De Ana, R.Carsen, L.Cavani, D.Livermore, C.Levi, G.del Monaco, D.Pountney, L.Ronconi, R.De Simone, P.Stein e G.Vick.

La sua duttilità vocale e la conoscenza di diversi stili e tecniche di canto le hanno consentito di interpretare oltre 50 titoli operistici diversi! Spiccano tra questi le magistrali interpretazioni Verdiane di: Aida, Alzira, Un Ballo in Maschera, Il Corsaro, Don Carlo, Falstaff, Un Giorno di Regno, Giovanna D’Arco, Macbeth, Messa da Requiem, Nabucco, Oberto, Il Trovatore, I Vespri Siciliani ed i ruoli Pucciniani di: La Boheme, La Fanciulla del West, Madama Butterfly, Manon Lescaut, Suor Angelica, Tosca, Il Tabarro e Turandot.

Ha dato voce con successo ai ruoli barocchi Monteverdiani: di Ottavia nell’Incoronazione di Poppea alla Scala di Milano e Orfeo (nel ruolo titolo), ai ruoli Mozartiani di Donna Elvira nel Don Giovanni e Vitellia nella Clemenza di Tito. Ha dato prova di fine belcantista con le interpretazioni di Norma di Bellini, Lucrezia Borgia e Poliuto (Paolina) di Donizetti e Fiorillo nelTurco in Italia di Rossini.Ha incarnato in numerose produzioni la sensuale gitana Carmen.

Molto ricercata sia per il repertorio Verista che per quello Contemporaneo: Cavalleria Rusticana, Iris, Zanetto, Andrea Chenier, Fedora, La Cena delle Beffe, La Wally, l’Amore dei tre Re, L’assassinio nella Cattedrale, Il Prigioniero, I Shardana, La Jura, La Voix Humane, L’Heure Espagnole, Edipo Re.

L’opera Lirica Donna di Veleni è stata appositamente pensata per lei dal compositore Marco Podda.Nella prossima stagione ha in programma il debutto ne La Samaritana e lo Stabat Mater di Refice per la “Toscanini” di Parma. Rimarchevoli le sue collaborazioni con la London Philharmonia Orchestra per il Prigioniero di Dallapiccola diretta da Esa-Pekka Salonen al Royal Festival Hall di Londra, con la Sveriges Radios Symfoniorkester di Stoccolma diretta da Daniel Harding in Cavalleria Rusticana e Tabarro e con la Symphonieorchester des Bayeriscen Rundfunks di Monaco sempre nel Prigioniero di Dallapiccola diretta da Esa-Pekka Salonen. Nel 2013 ha fatto il suo debutto nella regia operistica con La serva padrona di Pergolesi che ha portato in tournée, in seguito ha messo in scena, con grande successo, La Boheme di Puccini di cui ha curato: regia, scene e costumi oltre alla preparazione vocale. Richiestissime le sue  Masterclass (Bottega della Lirica, Centro studi Mascagnani di Livorno, Accademia del Belcanto di Martina Franca, AMO di Novara) molti suoi allievi calcano già con successo i palcoscenici mondiali. È stata docente di Canto presso i Conservatori di Musica di Venezia, Piacenza, Trento, Riva del Garda e Udine, attualmente ricopre questo ruolo presso il Conservatorio “G. P. da Palestrina” di Cagliari. La sua discografia include numerose incisioni, fra le quali Cavalleria Rusticana di Mascagni e AIDS Gala per Decca, Teseo Riconosciuto di Spontini, Il Turco in Italia di Rossini, Messa e Magnificat di Cavalli, Due Messe Catanesi di Bellini e i dvd di Macbeth di Verdi per Tdk live da Zurigo, Cavalleria Rusticana dall’Opernhaus di Zurigo, Assassinio nella Cattedrale di Pizzetti per Decca insignito del Diapason d’Or, Poliuto  di Donizetti, Il Tabarro di Puccini dal Teatro alla Scala di Milano. I Shardana di Porrino e Giulietta e Romeo di Vaccaj per Dynamic, Iris di Mascagni.Ha affiancato Andrea Bocelli nel Concerto-Evento di Lajatico 2013 per scopi umanitari. Nel 1998 Paoletta Marrocu è stata nominata Artist for Peace dall’UNESCO, cosa di cui sente l’enorme onore e responsabilità.

Paolo Da Col

Paolo Da Col

fdgdhfgjhjf

Ha compiuto studi musicali al Conservatorio di Bologna e musicologici all’Università di Venezia, rivolgendo sin da giovanissimo i suoi interessi al repertorio della musica rinascimentale e preclassica e unendo costantemente ricerca ed esecuzione. Ha fatto parte per oltre vent’anni di numerose formazione vocali italiane, tra le quali la Cappella di S. Petronio di Bologna e l’Ensemble Istitutioni Harmoniche.Clicca per proseguire

Dal 1998 dirige l’ensemble vocale maschile Odhecaton e altre formazioni vocali e strumentali. Alla guida di Odhecaton ha realizzato una quindicina di CD di musiche polifoniche dei secc. XV-XVIII che hanno ottenuto vari riconoscimenti, tra i quali due diapason d’or de l’année, il Grand prix international de l’Académie du disque lyrique e la Editor’s Choice di Gramophone. È docente del Conservatorio “G. Tartini” di Trieste e tiene corsi e masterclass di polifonia vocale. Ha diretto con Luigi Ferdinando Tagliavini e dirige la rivista «L’Organo», ha collaborato in qualità di critico musicale con vari periodici e riviste specializzate, ha diretto il catalogo di musica dell’editore Arnaldo Forni di Bologna, è curatore di edizioni di musica strumentale e vocale, autore di cataloghi di fondi musicali e di saggi sulla storia della vocalità rinascimentale e preclassica. Collabora all’edizione critica delle opere di Carlo Gesualdo da Venosa, Giuseppe Tartini e Gioachino Rossini. Attualmente svolge un lavoro di ricerca sulla vocalità del Rinascimento presso il Centre d’Études Supérieures de la Renaissance di Tours. Nel 2018 ha ottenuto con il gruppo Odhecaton il Premio Abbiati della Critica musicale italiana.

Silvia Smaniotto

Silvia Smaniotto

Cantante, Corista, Vocal Coach

Dal 2008 al 2011 è stata corista di Elisa accompagnandola nei tour “Mechanical Dream”, “Heart Alive Tour“ e “Ivy” per il quale ha inciso i cori anche del disco. Ha partecipato ad “Amiche per l’Abruzzo” allo stadio San Siro nel 2010.E’ stata la corista di Ultimo per il progetto “la favola” cantando allo stadio Olimpico di Roma sold out, nel luglio 2019.E’ vocal coach di X Factor insieme a Paola Folli, nelle edizioni 2018 e 2019 seguendo tutte e 4 le squadre in gara e ha preparato Anastasio, vincitore di X Factor 12, sia per “la fine del mondo tour” che per la partecipazione nella categoria “big” per il Festival di Sanremo 2020.

Simonetta-Perfetti

Simonetta Perfetti

Arpista

Nata a Pesaro (PU), inizia a studiare Pianoforte all’età di sette anni, privatamente.

Contemporaneamente frequenta il corso di Danza Classica al Teatro Rossini, per cinque anni.A undici anni decide di studiare Arpa, ed entra al Conservatorio G. Rossini, dove si diploma. Nei primi anni ha come insegnante la Prof.ssa Gabriella Morosini Guidi, nei successivi anni, con La quale poi si diploma, la Prof.ssa Gioiola Parenti.Clicca per proseguire

Dopo il Diploma comincia la sua attività in Orchestra, sempre come 1° Arpa, nei seguenti Teatri:Bari – Orchestra del Teatro Petruzzelli Palermo – Orchestra Sinfonica Siciliana Bologna – Orchestra del Teatro Comunale Milano – Teatro alla Scala Roma – Orchestra Sinfonica della Rai Infine Roma – Teatro dell’Opera – 1° Arpa titolare, stabile fino ad Agosto 2008. Ha svolto anche un intensa attività cameristica, in diverse formazioni, dal duo al settimino, oltre a concerti per Arpa solista e Orchestra. Dal 2008 ad oggi, continua la sua attività di 1° Arpa con contratti a termine in varie orchestre, liriche e sinfoniche, quali: Roma – Orch. Sinf. di S. Cecilia / Orch. Sinfonica di Roma / Orch. Del conservatorio S. Cecilia /Orchestra del Cinema Italiano.Pesaro – ROF Rossini Opera Festival.Erl (Austria) – Tiroler Festspiele.Collabora con le sale di incisione, per le registrazioni di colonne sonore.Insegna Arpa privatamente.

Stefano da Ros

Stefano Da Ros

Direttore di coro e compositore

Ha conseguito i diplomi di Pianoforte, Musica corale e direzione di coro e Composizione presso i Conservatori di Trieste e Castelfranco Veneto; ha inoltre frequentato numerosi seminari e corsi di perfezionamento tenuti da musicisti di chiara fama.È stato premiato in vari concorsi nazionali ed internazionali di composizione.Clicca per proseguire

Le sue opere sono in gran parte pubblicate (Bèrben, Suvini-Zerboni, Pizzicato, Pro Musica Studium, E.M.E., Rugginenti, Carrara) ed alcune incise (Rivo Alto, Colloquia, Velut Luna).Per molti anni ha ricoperto il ruolo di coordinatore artistico del Concorso nazionale corale “Trofei Città di Vittorio Veneto” e del Concorso internazionale di composizione per l’infanzia “Suoni di fiaba”di Vittorio Veneto. Per alcune edizioni è stato il coordinatore artistico del Concorso nazionale biennale di violino “Premio Città di Vittorio Veneto e delle collaterali Rassegne nazionali d’archi “Mario Benvenuti”.Docente di educazione musicale dal 1980 e dirigente scolastico dal 2004, ha ricoperto per sei anni l’incarico di Referente regionale per le attività musicali dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto.

È componente della Cabina di regia per i licei musicali istituita nel 2011 presso il MIUR. Da settembre 2013 è dirigente scolastico del Liceo Statale “Marconi” di Conegliano (TV).

viola_stefano

Stefano Viola

Docente di Chitarra

Il suo incontro con la chitarra è folgorante e porta, a soli diciotto anni, al diploma di Conservatorio con il massimo dei voti e la lode. Dopo il diploma studia per quattro anni a Milano con Ruggero Chiesa e partecipa come allievo effettivo ai corsi di alto perfezionamento tenuti da Oscar Ghiglia a Gargnano e all’Accademia Musicale Chigiana di Siena.E’ titolare della cattedra di chitarra al Conservatorio Statale di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine.Clicca per proseguire

Sono oltre 180 i premi vinti da suoi studenti nei più importanti concorsi nazionali ed internazionali:tra questi figurano i “Primi Premi” ai Concorsi “Fernando Sor” di Roma, “Pittaluga” di Alessandria”, “Julian Arcas” di Almeria (Spagna), “Francisco Tàrrega”di Benicasim (Spagna),”Castelnuovo-Tedesco” di Parma, “Benvenuto Terzi” di Bergamo, “Enrico Mercatali” di Gorizia, “Rospigliosi” di Lamporecchio, Sernancelhe (Portogallo), “Miguel Llobet” di Barcellona (Spagna); questi risultati ne fanno uno degli insegnanti di Conservatorio più autorevoli delle ultime generazioni.E’ impegnato da vari anni in un approfondimento continuo di tutti gli aspetti tecnico-meccanici riguardanti il rapporto con lo strumento e la postura e in virtù di queste ricerche è invitato a tenere conferenze e Masterclass in vari Festival chitarristici in Italia, San Marino, Slovenja, Croazia, Repubblica Ceka, Austria, Messico, Polonia, Ukraina e Spagna. È risultato vincitore nel 2007, 2009, 2010 e 2014 del “Premio Rospigliosi per la Didattica”.